Search
domenica 20 ottobre 2019
  • :
  • :

Le balene conoscono tutto delle emozioni del mare perché sanno cantare.

 

52179398_10215993971096244_1015539412206878720_o

Torniamo all’ipocrisia degli esseri umani? Per un secondo soltanto: Non si è scesi in piazza alle immagini terribili della balena maschio trovata morta nelle Filippine con 40 kg di plastica, non abbiamo urlato nelle piazze per la Balena di Bergen, per i delfini, per le tartarughe…persino gli squali…le orche…che si spiaggiano..tutti avvelenati da plastica e spazzatura varia, non si scende per loro, eppure il danno al sistema ambientale è enorme non si scende ad urlare nelle piazze contro Bolsonaro e tutti gli interessi che girano intorno alla foresta Amazzonica, un danno irreversibile per tutto l’ecosistema. Non si scende a protestare nelle piazze, a fare sentire le urla di una morte annunciata quella della Tigre di Giava, o il rinoceronte nero occidentale, sono solo alcuni animali estinti per causa dell’uomo, nessuno ha urlato per loro,,,sapete quanto ha perso l’uomo in questi anni tra incendi, bracconaggio, incuria, corsa folle verso un progresso sciocco? Nessuno si strappa i capelli nelle piazze o va all’ONU per i bambini che scendono nelle miniere per il “nostro” coltan…Nessuno mi pare è andato alle conferenze dell’ONU per difendere un albero, un quadupede, un cetaceo ad oggi….eppure sono anni…..Improvvisamente si svegliano le coscienze….ma si svegliano argomentando a livello estremamente scientifico….troppo, credo, che alla balena, al bambino che raccoglie coltan, per la tigre di Giava ormai è tardi, forse interesserebbe soltanto che intanto tutto ciò che è nella plastica non venga più acquistato…lasciamolo sui banchi…intanto iniziamoci così…rinunciamo noi a qualche cosa…pazienza le aziende si devono adeguare sono anni che lo sanno e che dovrebbero farlo…ma se ne sono sempre infischiate, non rincorriamo l’ultimo cellulare,,,l’importante è che funzionicchi anche se è vecchio e se non funziona forse è meglio delle volte. Insomma in piazza per una devastazione ambientale si doveva scendere già da anni, e non una volta, ma migliaia di volte, ogni volta che una balena moriva, un delfino, o un bosco, una foresta prendeva fuoco, in qualunque parte del mondo, il mondo nelle piazze. Non ce l’ ho con Greta, come molti pensano, ma forse nemmeno con Soros, e nemmeno con Rubbia, e nemmeno con i cinesi, ce l’ho con noi  e penso che per questo ci voglia molto più coraggio, avercela con quelli sopra si gioca e si vince facile.

Le balene conoscono tutto delle emozioni del mare perché sanno cantare. 

Riccarda Balla




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *