Search
sabato 15 dicembre 2018
  • :
  • :

Ma che lo dico a FAI…Oreto River…

46798339_516894045474517_1379798861345718272_n
La Formazione Siciliana..Il Presidente Musumeci,recita il “modello Lombardia”.Magari lo vedremo alle imminenti elezioni Europee sul fiume Oreto a sbandierare proclami ai lavoratori:”mi votate,arriva l’agenzia da’ “sardella” e il fiume “agghiorna”.La promessa dell’”Ecce homo”,l’Assessore Lagalla;
Una delegazione di lavoratori rappresentati da USB,Cobas e Irriducibili della Formazione Professionale è stata ricevuta dal capo di gabinetto dell’assessore regionale Roberto Lagalla.Il primo punto trattato è stato quello della mancata applicazione del Fondo di Garanzia per gli ex lavoratori (interventi e servizi),privi da anni di qualsivoglia sostegno al reddito e di alcun ammortizzatore sociale per le scelleratezze,le inadeguatezze del governo del Signor Rosario Crocetta che trovano continuità nel pusillanime,teatrante presidente Musumeci che in campagna elettorale ha illuso gli ex lavoratori del sistema formativo.Rammentiamo la promessa dell’”Ecce homo”,il Pinocchio-Assessore Lagalla che dava aria ai polmoni,enfatizzando l’attivazione del fondo di garanzia tramite lo storno di 10 milioni di euro dai 30 milioni dei fondi PAC,oltre a pontificare il suono di mirabolanti campane presso l’Associazione Nuovo Cammino,un ente di formazione balzato come tanti altri agli onori delle cronaca giudiziaria, riconducibile alle ‘Politiche Professionali’ di notabili,esponenti dell’allora corrente politica PD “innovazione”.Il tutto si è rivelato,come ormai consuetudine di questo Assessore,una coltre di fumo che a tutt’oggi restituisce il quadro desolante della statura etica,morale e politica dell’Assessore Lagalla,perfettamente coerente e coincidente con l’atteggiamento del Signor Presidente Musumeci,intento a farfugliare il “modello Lombardia”.Magari lo vedremo alle imminenti elezioni Europee sul fiume Oreto a sbandierare la risoluzione della Formazione: mi votate,arriva l’agenzia da’ “sardella” e il fiume “agghiorna”.Altro punto affrontato, la questione del famigerato Albo, dove figurano ancora, malgrado diverse revisioni, una molteplicità di soggetti che a vario.
titolo,non dovrebbero figurare e di cui ci siamo ampiamente occupati in occasione dello strampalato accordo tra l’Assessore Lagalla ed i “cavalieri dell’apocalisse” ;http://www.inuovivespri.it/2018/07/25/lusb-sulla-accordo-per-la-formazione-tanto-chiu-scuru-di-menzanotti-un-po-fari/ .A questo,l’amministrazione risponde farfugliando che l’aggiornamento dell’albo non rientra tra i compiti dell’Assessore, ma nientedimeno del dirigente responsabile che si occupa dell’aggiornamento dei dati!.Insomma, una vera e propria “Opera do’ Pupu Vistutu” magistralmente diretta,con errori pacchiani commessi con dolo.Dulcis in fundo,la mancata applicazione delle legge regionale n. 24/76 e legge regionale 25/93 a tutela del personale,che vedono costantemente gli interlocutori dell’amministrazione lanciarsi in quadri edulcorati, adulterati e stridenti di qualsivoglia fonte giuridica creativa, molto in voga presso taluni Dirigenti Regionali, altalenandosi al netto delle proprie competenze (non richieste all’uopo) in elucubrazioni amministrative.Bisogna dire su questi tre punti che è palese l’assoluta latitanza e indifferenza da parte dell’Assessorato all’Istruzione ed alla Formazione Professionale che invece è particolarmente attento ed interessato ad impegnarsi soltanto delle problematiche che vengono sollevate dagli enti gestori con i quali sembra avere un rapporto privilegiato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *