Search
sabato 15 dicembre 2018
  • :
  • :

Oggi non si parla più di autunno… e Socrate alla fine della tiritera chiederebbe….

 

 

Alba equinozio autunno

 

Oggi non si parla più di autunno… e Socrate alla fine della tiritera chiederebbe…

Ascolta! il vento sta aumentando,
e l’aria è selvaggia con le foglie.
Abbiamo avuto le nostre serate estive,
è adesso è l’ora d’ottobre.
(Humbert Wolfe)

gli opposti in perfetto equilibrio nell’equinozio d’autunno…
L’Estate lascia il passo all’Autunno, tutti gli esseri viventi assorbono le note caratteriali delle varie stagioni che si susseguono, ma c’è un aspetto più profondo..il ciclo della vita.
Nei tempi passati, l’uomo viveva il suo tempo consapevole dell’importanza di ogni minuto, di ogni cambiamento, sapersi guardare attorno, commuoversi e stupirsi, ma la corsa frenetica di oggi ti fa solo perdere…perdere tanto…perdi nei sentimenti, ma acquisti egoismo, perdi le piccole cose che darebbero senso alle grandi che ti sfuggono, l’incapacità di salire in macchina e fermarsi a guardare uno squarcio di panorama perchè si deve raggiungere la meta, non importa se la meta non offre la stessa bellezza: è la meta quella che conta, come se qualcuno potesse rubartela, forse si..in effetti il rischio c’è oggi. …

La parola “equinozio” deriva dal latino e significa “notte uguale”. Gli equinozi di marzo e settembre sono i due giorni di ogni anno in cui il giorno e la notte hanno la stessa durata, stessi ritmi. Luce e buio in perfetto equilibrio: 12 ore e 12 ore..poi sarà il buio ad avere “più tempo” fino al solstizio d’inverno…mentre a sud dell’equatore sarà al contrario.

I Cicli cosmici , oggi non si da peso a questa giostra delle due due polarità opposte, per i cinesi Yin e Yang, invece sono importanti sono il motivo per poter accettare, imparare, conoscere e non stancarsi dell’opposto, ma oggi partendo dall’idea che il cosmo è solo il proprio essere…ecco che si perdono le opportunità di amare, divertirsi, dare forse anche il meglio di sé, come se ognuno di noi bastasse a se stesso, gli altri sono a scadenza, diventano noie, poi ci lamentiamo che la mente è stanca, che il fisico cede, lo stress….già ,ma se mettessimo un po’ di strass sullo stress? Stressatissimo! Il che sa di comico! E fatti una risata guardandoti allo specchio, in fondo pensaci bene è meglio prenderci in giro da soli . A proposito di prendersi in giro da soli una delle più grandi perdite di contatto con il mondo e con la bellezza è l’offendersi… si perde tempo inutilmente in cambio si ha l’ arricchimento del proprio orgoglio, è un fatto positivo?

Non ci si sente sempre più soli, o meglio con accanto solo ipocrisia e convenienza? Chiederebbe Socrate…

Riccarda Balla




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *