Search
sabato 15 dicembre 2018
  • :
  • :

Ricapitoliamo…

 

la paura di cosa gli altri potrebbero pensare

Ricapitoliamo alcuni eventi:

Conte viene fischiato a Genova, premettendo che a me piace e forse proprio per questo mi sento di esprimere qualche mio pensiero al di là del fatto che a lui possa importare o meno: Genova purtroppo è il banco di prova del “fare”…i mezzi tronconi sono ancora lì, quindi visto il tempo trascorso, si poteva con una programmazione ben precisa permettere ai residenti di andare a prendere i “ricordi”, che sia la Vespa d’epoca, che siano delle foto, lo schiaccianoci della nonna, i giocattoli, ma consentire alle persone di poter raccogliere quegli oggetti che sono i ricordi della famiglia…quindi provvedere senza tante manfrine all’abbattimento, anche perchè stiamo andando incontro all’inverno, ed una volta abbattuto le persone non vedrebbero più le case in piedi e dentro la loro vita, quella fatta di piccole cose. Incriminare i veri colpevoli non è certamente una cosa che si può fare in due minuti, ahimè sopratutto in Italia, anche se tutti sappiamo bene chi sono, ma l’Italia è quel Paese che consente di difendere sempre il più potente, o il politico che ha sempre tenuto le mani in pasta o nelle tasche altrui, la vecchia politica ne è maestra, sembra strano, ma lo è tutt’ora. Genova è un motore dell’Italia, che viene ulteriormente penalizzata oggi anche da una viabilità resa impossibile, diciamo che c’è un muro virtuale tra est ed ovest…qua purtroppo le cose si complicano, non siamo in Giappone, o in Cina, noi oltre ad una burocrazia idiota ed interessata abbiamo l’Europa “unita”…progetti, fondi, insomma l’Europa ci deve cacciare il naso, tanto Genova è in Italia. Ora poiché ancora non si parla di ricostruzione post-terremoto, quando si parlerà del ponte? Se poi fai la voce forte gli “europei” ti dicono che sei una merda…oh bella! Ma i pulpiti dai cui arrivano gli insulti non sono mica farina per far ostie…

A proposito di Ostie, il Papa è venuto a Palermo, per l’anniversario della morte di Don Pino Puglisi, quelle morti che sono delle vere e proprie porcate della mafia, Il Santo Padre è andato a pranzo da Biagio Conte, una pranzo ben strutturato devo dire leggendo il menu, e se è vera la notizia, ripeto se è vera (fonte Ilmessaggero.it), pare che tra poveri ed immigrati ospiti della missione, non fossero presenti gli extra comunitari irregolari…ora poiché irregolari, seguendo le “bontà” europea non dovrebbero essere ospitati, ma rispediti a casa loro senza tante storie,invece ci sono, ma già siamo delle merde…dimenticavo il gentile epiteto…Il Papa naturalmente ha fatto i suoi bravi discorsi, diciamo “ovvi”? Si diciamolo…

A proposito di Don Pino Puglisi, il giorno precedente alla Santa Visita , il Presidente del Consiglio è venuto ad inaugurare la scuola …mancava il nostro caro Sindaco, ma anche il Presidente della Regione, presi da impegni importantissimi!!! E da ripicche da asilo…il nostro Sindaco, dall’altissimo del suo trono (altissimo perchè sotto c’erano i cumuli di spazzatura levata dai percorsi che avrebbe fatto il Papa il giorno dopo), puntava il “reale” dito , arrabbiato ed offeso, perchè non conosce bene alcune imposizioni date dal precedente governo, o gioca sulla disattenzione della gente, o sull’ignoranza riguardo faccende “costituzionali”? Per dire sciocchezze, o meglio dire cose che non corrispondono proprio al vero, anche questa è una strana abitudine, ma va bene tra l’altro è pur sempre presente per esempio ai giorni  del Haj (Pellegrinaggio alla Mecca) , o dell Aid El Kabir..ecc..ecc. Nonché promotore dei vari Gay pride (e secondo studiosi il Corano, se non ricordo male, espressamente dice che i rapporti omosessuali sono proibiti) insomma il nostro Orlando è un bravissimo ed esperto giocatore di Twister!.

Cosa continua a capitare su questo nostro italico suolo? Si, certo: medici, infermieri continuano ad essere picchiati da parenti vari di degenti…Ora se la gente capisse che siamo dei prodotti con scadenza a prescindere dal ricco, povero, luogo, colore, raccomandato in terra…forse la smetteremmo di picchiare il personale sanitario, prove certe dicono che se devi tirare le piume le tiri…è una sorta di destino scritto, chi l’ha scritto poi essendo carogna studia svariate tipi di morte…La ricerca che prosegue a fatica perchè i pochi fondi, quelli che non arrivano a destinazione, un certo menefreghismo nei confronti dei ricercatori, consente comunque di migliorare l’esistenza, di renderla meno sofferente, ma state certi picchiatori di medici che se la scadenza è quella: è quella e basta…incavolatevi con un “Supremo” che più vi è gradito, ma non con chi fa il proprio dovere a fatica nei pubblici ospedali.

Per oggi credo di aver terminato.

Riccarda Balla




2 thoughts on “Ricapitoliamo…

  1. Giovanna

    Alcune volte i medici le botte se lo meritano, sai un medico come ha visitato le mie gambe, di cui una gonfia? Da premettere che avevo i gambaletti neri, da seduto con una sola occhiata, io gli ho detto che quella sinistra era gonfia, anche il piede, in risposta mi disse, non fa niente, ed io, non devo fare il doppler? E lui, non è il caso, questi medici vanno buttati fuori, questo è solo un episodio, cmq grazie x avermi permesso di scrivere tutto ciò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *