Search
martedì 12 dicembre 2017
  • :
  • :

Non si sono ribellati…il ragno continuerà a tessere

13122886_10207687650843429_314749761165039246_o

Un popolo che non si ribella è un popolo senza dignità. (Che Guevara). la stessa frase la possiamo far dire ai tanti morti assassinati per mano della mafia… Capisco che chi muore ha diritto, se lo vuole e se può, farsi seppellire dove è nato, chi muore va perdonato delle sue malefatte, chi muore viene poi ricordato sempre e solo come un’anima senza difetti…nel caso specifico del corleonese, è un uomo che ha distrutto la dignità dei giovani di questo paese, è come se fossero marchiati a vita, sarà sempre un’influenza sulla vita di questo paese, la sua ombra continuerà ad aleggiare, quanti anni ci vorranno perchè finisca il suo potere? Aspettiamo anche i giri turistici di qualche agenzia.. La cosa più brutta è questa: il potere dei capi mafiosi, con la loro brutalità, continua anche da morti, continuano ad esercitare un’azione determinante su molti, atteggiamenti, paura, orgoglio (già anche questo..), i paesi che hanno dato i natali subiscono la suggestione, l’influsso, anche perchè nei paesi la famiglia con le sue ramificazioni esiste..

I grandi uomini che hanno combattuto contro questo potere che hanno cercato di levare dal giogo questa terra e sono morti, non hanno avuto nel tempo influssi determinanti sugli altri, ricordati così..giusto per…ma la loro determinazione, coraggio, la voglia di pulire questa terra dai veleni non la si riscontra, come se avessero portato via con loro la fermezza, la loro volontà, come se non avessero lasciato istruzioni, insegnamenti ..Non credo proprio, credo piuttosto in un’ assenza totale di volontà, ma sopratutto la consapevolezza di dove sta il potere, solo così mi posso spiegare l’agire sia in un senso che nell’altro: il ricordo imperituro da una parte e la sospensione del ricordo fino alle fatidiche passerelle e ritornare alla perdita di memoria, dall’altra.  La memoria..che a Corleone come in altri paesi continuerà ad avere radici continuando così la sua opera di sottomissione  e ferendo la rispettabilità di persone che da sole possono fare, ma sono sole, oggi più di ieri ed il paese non si è ribellato.

Riccarda Balla




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *